/ Eventi

Eventi | 29 settembre 2020, 12:00

Posticipata all'1 novembre la chiusura della mostra ‘Fantastic Utopias’ alla Rocca di Angera

In esposizione, i lavori di 15 artisti internazionali

Posticipata all'1 novembre la chiusura della mostra ‘Fantastic Utopias’ alla Rocca di Angera

Si potrà visitare fino all’1 novembre presso la Rocca di Angera la mostra Fantastic Utopias, a cura di Ilaria Bonacossa in collaborazione con Galleria Continua.  La terza mostra d’arte contemporanea nell’ambito del progetto artistico promosso dai Principi Vitaliano e Marina Borromeo Arese negli spazi restaurati dell’evocativa Ala Scaligera del castello angerese.

In esposizione, i lavori di 15 artisti internazionali che, nella loro diversità, danno vita a immagini e oggetti inaspettati e forse magici, al contempo seducenti e spaventosi capaci di portarci in universi alternativi lontani dalla verosimiglianza. 

Il fantastico, relegato dall’Ottocento al mondo dell’infanzia, diventa il mezzo per infrangere le convenzioni e immaginare ciò che sembra impossibile e sconosciuto. Ciascuna di queste opere usa il fantastico per parlare di utopie fantastiche in cui la società e le sue idiosincrasie si trasformano. Questi artisti testimoniano come immaginare una realtà alternativa offra il primo passo per raggiungerla.

La mostra nasce dal presupposto che nel nostro mondo post-reale, in cui conflitti, crisi politiche e ambientali sembrano susseguirsi senza sosta, il fantastico e la sua rappresentazione sono tornati al centro delle riflessioni contemporanee. 

Lo testimoniano fenomeni e tendenze quali il successo planetario di Harry Potter, l’oscar al film The Shape of Water (2017) o l’ossessione televisiva per Game of Thrones (2011–2019). Con l’obiettivo di evadere dalla realtà, sogniamo di essere circondati da creature magiche, viviamo pensando a mostri e a battaglie tra mondi distopici, come se la secolarizzazione della società portasse al bisogno di immaginarci in mondi altri.

Mostra Fantastic Utopias, fino al 27 settembre 2020, Ala Scaligera, Rocca di Angera (VA)

Orari di apertura: tutti i giorni dalle ore 12.00 alle 17.30 (ultima visita).  

In alcuni periodi la chiusura del museo potrebbe subire variazioni, per informazioni sempre aggiornate consultare www.isoleborromee.it

Biglietti: 10 euro adulti, 6,50 ragazzi dai 6 ai 15 anni (bambini gratis)
AON è main sponsor della mostra. 

Terre Borromeo è il brand che identifica i siti culturali e naturali che anticamente erano legati alla famiglia Borromeo. Oggi il circuito turistico comprende: Isola Bella e Isola Madre nell’arcipelago delle Isole Borromee; Parco Pallavicino a Stresa; Parco del Mottarone con i suoi 500 ettari di area boschiva lungo le pendici dell’omonima montagna; Rocca di Angera, sul versante lombardo in provincia di Varese, e Castelli di Cannero, situati nell’alto Verbano e oggi in fase di restauro con una previsione di apertura al pubblico entro i prossimi tre anni.

www.isoleborromee.it

 Galleria Continua ha aperto a San Gimignano nel 1990, su iniziativa di tre amici: Mario Cristiani, Lorenzo Fiaschi e Maurizio Rigillo, trovando sede negli spazi di un ex cinema, in un borgo - San Gimignano - ricco di storia e senza tempo, che gli ha permesso di sviluppare nuove forme di dialogo e simbiosi tra geografie inaspettate: rurali e industriali, locali e globali, arte del passato e arte di oggi, artisti famosi e emergenti. Galleria Continua è stata la prima galleria straniera con un programma internazionale ad aprire in Cina nel 2004 e tre anni dopo, nel 2007, ha inaugurato un nuovo sito particolare per le creazioni di grandi dimensioni - Les Moulins - nella campagna parigina. Nel 2015 ha intrapreso nuovi percorsi, aprendo uno spazio a L’Avana, a Cuba, dedicato a progetti culturali volti a superare ogni frontiera. A gennaio 2020 ha festeggiato trenta anni di attività inaugurando una nuova sede espositiva a Roma, in calendario anche attività didattiche e residenze d’artista.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore