/ Regione

Regione | 27 luglio 2020, 10:30

“Per il rilancio servono sostegno attivo alle imprese e ai lavoratori, innovazione e ricerca”

L’assessore regionale al Lavoro, Elena Chiorino, commenta di dati pubblicati da IRES, che evidenziano un aumento dei beneficiari di sussidi reddituali

“Per il rilancio servono sostegno attivo alle imprese e ai lavoratori, innovazione e ricerca”

«I sussidi possono rappresentare una soluzione a breve termine per ridurre l’impatto della crisi e dell’emergenza Covid, ma nessuno si illuda che si possa andare avanti a suon di misure di stampo assistenzialista, destinate, per ovvie ragioni, ad esaurirsi. Per rilanciare il lavoro occorre invece puntare sul sostegno alle imprese, sulla formazione, sull’orientamento, sull’innovazione, sulla ricerca e su tutte quelle politiche attive in grado di fare incrociare con efficacia domanda e offerta, favorendo concretamente la creazione di posti di lavoro». Ne è fortemente convinta l’assessore regionale al Lavoro, Elena Chiorino , che commenta i numeri del nuovo rapporto che Ires Piemonte, presentato questa mattina al Gruppo di monitoraggio istituzionale della Fase 2, che evidenziano, in Piemonte, un aumento considerevole dei percettori del reddito o pensione di cittadinanza, che passano dai 53.505 del 2019 agli attuali 61.762. Un fenomeno che - e non è un caso - interessa soprattutto due delle province più colpite dalla crisi dell’industria: Torino (che passa da 31.768 a 37.367 beneficiari) e Alessandria (da 5.693 a 6.403).

Preoccupanti anche le statistiche relative alla Cassa integrazione in deroga, effetto diretto della pandemia di Covid19: al 19 luglio in Piemonte sono state presentate circa 69mila domande, che hanno coinvolto circa 33mila aziende e circa 92mila lavoratori.

«È evidente - commenta Chiorino - che in un momento come questo era necessario intervenire con misure straordinarie. Ma ora è tempo di pensare alle politiche per il futuro, che non possono esaurirsi a mere ricette assitenzialiste. Innanzitutto perché il grande sforzo non può essere protratto all’infinito, ma soprattutto perché il nostro obiettivo deve essere quello di sostenere la creazione di ricchezza e di benessere, stando a fianco delle famiglie che hanno bisogno, ma anche di chi produce, di chi investe, di chi fa impresa e necessita di essere messo nelle condizioni di dare il massimo. Per questo motivo abbiamo varato misure innovative come “Sviluppo impresa” che consentirà a manager di comprovata esperienza e capacità di affiancare le Pmi per prevenire eventuali criticità e sostenerne la crescita. E abbiamo istituito uno strumento in grado di entrare, temporaneamente, nel capitale delle aziende in difficoltà a fine di rilanciarle e metterle al riparo da eventuali attacchi speculativi».

Non solo. Per Chiorino il rilancio deve passare attraverso una nuova attrattività del territorio piemontese, «rendendolo appetibile a nuovi investitori «puntando con forza, ad esempio, sulla formazione di alto livello, creando un modello di Academy - incentrate sull’automotive - ma non solo - capaci di offrire a chi vuole investire in Piemonte personale sempre formato e aggiornato, rispondendo all’esigenza di flessibilità e di velocità che i nuovi mercati, in rapidissima evoluzione, esigono».

«Non ci interessano modelli sostanzialmente pauperisti, basati sostanzialmente sulla rassegnazione alla stagnazione e alla decrescita - conclude Chiorino - La nostra ambizione deve essere quella di riuscire ad abbattere i numeri che oggi leggiamo e di favorire un’occupazione stabile che non può prescindere dal sostegno alle nostre imprese, che rappresentano la spina dorsale del tessuto economico piemontese. Soltanto raggiungendo questi obiettivi avremo assolto al nostro compito. Non certo cadendo nella tentazione di rifugiarsi in comode scorciatoie che però, in un periodo anche piuttosto breve, finiscono in vicoli ciechi che non risolvono nulla e che non garantiscono, di certo, neppure un futuro ai nostri giovani».

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore