/ Cronaca

Cronaca | 20 maggio 2020, 17:00

Rsa, situazione ancora critica al De Pagave e in altre due strutture

Un quarto degli operatori sono stati colpiti dal virus

Rsa, situazione ancora critica al De Pagave e in altre due strutture

Una situazione ancora molto critica all’Istituto De Pagave e in almeno altre due RSA cittadine: è questo quanto è emerso questa mattina nella seduta della VI commissione del consiglio comunale di Novara. Sotto i riflettori in particolare la situazione del De Pagave: alla riunione in videoconferenza ha partecipato infatti Paolo Cortese, dirigente del Comune di Novara che il sindaco ha inviato all’Istituto con l’incarico di seguire la direzione amministrativa in un momento di acuta difficoltà.

Cortese ha riassunto con una serie di dati la situazione: dall’inizio della pandemia al De Pagave sono morte 44 persone, 22 delle quali nel solo mese di aprile. Difficile stabilire quanti dei deceduti siano stati colpiti dall’infezione da Coronavirus, anche per la grande confusione nella gestione dei tamponi: gli ospiti erano stati sottoposti a un primo giro di tamponi tra il 4 e il 10 aprile, i cui risultati sono stati comunicati il 15 aprile: sui 188 ospiti presenti in Istituto, ben 49 erano risultati positivi.

In un secondo giro 21 ospiti sono stati nuovamente sottoposti ai tamponi: e di questi ben 14 sono risultati positivi. “Abbiamo provveduto – ha raccontato Cortese – a tenere separati gli ospiti che sono risultati colpiti dal virus da chi invece risultava negativo ai test. Ma questo non è bastato: si pensi che i risultati di altri 44 tamponi effettuati venerdì 15 maggio hanno rivelato che mentre 10 ospiti precedentemente positivi si sono negativizzati, ben 18 persone che si trovavano nel reparto dei negativi si sono nel frattempo infettate”. Molto seria è la situazione del personale: un quarto degli operatori sono stati colpiti dal virus, manca il direttore sanitario e la coordinatrice, trovata positiva al tampone, non è più rientrata al lavoro.

Il sindaco ha confermato, che anche in altre due case di riposo – la San Francesco di viale Roma e la Mater Dei di via Perazzi, il numero dei positivi è di circa il 50 % del totale.

ECV

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore