Sanità - 04 aprile 2024, 16:42

L'affondo del Pd: "Sulla sanità Cirio ha detto solo bugie. 2023 negativo per assunzioni a tempo indeterminato"

Situazioni più critiche all'AOU di Novara (-36 medici), all'Asl Torino (-55 infermieri e - 26 OSS) e all'AOU Città della Salute (-17 tecnici)

L'affondo del Pd: "Sulla sanità Cirio ha detto solo bugie. 2023 negativo per assunzioni a tempo indeterminato"

"Sulla sanità Alberto Cirio ha detto solo bugie: questo vuol dire offrire meno prestazioni ai cittadini". È questo l'affondo del Partito Democratico Piemonte, in occasione dell'ultimo Consiglio Regionale del governo di centrodestra. Parole che per i dem (Alberto Avetta, Diego Sarno, Mimmo Rossi, Domenico Ravetti, Daniele Valle, Monica Canalis, Maurizio Marello) trovano sostanza nelle cifre.

I numeri 

"Siamo preoccupati - hanno spiegato - per il calo del personale a tempo indeterminato. Per il 2023 il saldo tra cessazioni e assunzioni è negativo per 114 medici, 61 infermieri, 38 tecnici". Le situazioni più critiche risultano all'AOU di Novara (-36 medici), all'Asl Torino (-55 infermieri e - 26 OSS) e all'AOU Città della Salute (-17 tecnici). 

"Anche quest'anno - ha chiarito il vicepresidente del Consiglio Regionale Daniele Valle - come accaduto nel 2020, '21 e '22, nella sanità regionale si è assunto meno personale a tempo indeterminato rispetto alle uscite".

"Certamente - ha aggiunto - riconosciamo che c'è stato un miglioramento rispetto all'anno passato, e se si sommano anche i tempi determinati il saldo risulta positivo". 

"Cirio non ha raggiunto obiettivi annunciati" 

"Questo miglioramento - ha concluso Valle - resta comunque ben lontano dagli obiettivi indicati da Cirio, ovvero le duemila assunzioni in più promesse sul 2023, a cui si devono sommare le altre mille promesse nel 2022. Non si sono verificate né le une né le altre".

Rossi: "Piano straordinario su assunzioni" 

Per il consigliere regionale Domenico Rossi: "Sarebbe bastato fare quello che chiediamo da inizio mandato, cioè un piano socio sanitario, un piano straordinario di assunzioni e uno sul benessere lavorativo".

"Ci si mette attorno ad un tavolo con direttori sanitari - ha aggiunto - e si fa un lavoro di disegno su quello che sarà la sanità nei cinque/dieci anni futuri". 

Ieri Fratelli d'Italia ha presentato il programma elettorale della Sanità, aprendo fortemente al privato. "Per noi - ha replicato Rossi - non c'è nessun blocco ideologico al privato, ma deve lavorare in un contesto in cui il pubblico funziona alla grande. Se no spostiamo il problema: chi può pagare si cura e chi no deve rinunciare alle cure".

Cinzia Gatti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
SU