Attualità - 10 agosto 2023, 19:00

Navigazione Lago Maggiore a gonfie vele: +13% di passeggeri rispetto allo scorso anno

Oltre un milioneseicentomila i viaggiatori trasportati e quasi duecentomila veicoli tolti dalle strade. Marzo e aprile i mesi con il trend maggiore di crescita

Navigazione Lago Maggiore a gonfie vele: +13% di passeggeri rispetto allo scorso anno

Oltre un milioneseicentomila i viaggiatori trasportati e quasi duecentomila veicoli tolti dalle strade: sono questi i dati di traffico aggiornati al 31 luglio 2023 della Navigazione Lago Maggiore. Numeri incoraggianti che segnano un +13% rispetto al medesimo periodo 2022.

"Siamo molto soddisfatti di questi risultati - commenta Paolo Mazzucchelli, direttore di esercizio Navigazione Lago Maggiore - Già dalla scorsa primavera abbiamo registrato un traffico superiore al 2022, in particolare nei mesi di marzo e aprile ove l'incremento è stato rispettivamente del 28% e 40%. Dopo l'assestamento di maggio e giugno, il mese di luglio appena concluso ha confermato un +14.5% con oltre 360000 passeggeri e 37000 veicoli. L'anticipo delle integrazioni del servizio dalla metà di marzo e l'ottimizzazione del programma di orario hanno rappresentato una sfida che, non senza sforzi importanti, abbiamo voluto cogliere e siamo orgogliosi che i nostri passeggeri abbiano voluto premiare il nostro lavoro con un traffico così numeroso. Risultati che Navigazione Lago Maggiore è stata in grado di raggiungere grazie all'impegno di tutto il personale al quale rivolgo il mio ringraziamento per la quotidiana dedizione e professionalità nell'offrire un servizio di trasporto efficiente ed efficace." 

Numeri importanti e purtroppo destinati a calare: il basso livello delle acque del lago già dalla scorsa settimana ha costretto la Navigazione Lago Maggiore a sospendere il servizio presso i tre scali lombardi di Ispra, Ranco e Porto Valtravaglia ed a ridurre progressivamente la portata a pieno carico dei veicoli a bordo dei traghetti sulla tratta Intra- Laveno. Tali iniziative si sono rese necessarie per garantire la piena sicurezza dell'esercizio: fondali bassi e rocce in superficie rischiano il danneggiamento delle eliche di propulsione e il dislivello tra la nave ed il pontile crea una notevole pendenza e pregiudica un confortevole accesso a bordo. 

L'ulteriore riduzione a 100 q.li disposta a far data dallo scorso lunedì rappresenta elemento di attenzione che coinvolge l'intero sistema territoriale: "Siamo preoccupati per la situazione venutasi a creare e che, in assenza di precipitazioni, non sembra destinata a migliorare nel breve periodo: - continua Mazzucchelli- proprio a ridosso del ferragosto, nel pieno della stagione turistica e con un lungo ponte alle porte, ci troviamo costretti a ridurre la portata dei traghetti - obbligando di fatto i conducenti di bus e mezzi pesanti a fare il giro del lago con conseguenti ripercussioni sul traffico stradale - e ad utilizzare navi con minor pescaggio per non rischiare di impattare con il fondale, ma che hanno una portata passeggeri nettamente inferiore a quelle in esercizio fino alla scorsa settimana, generando, nostro malgrado, attese e code agli imbarchi. 

Ci stiamo organizzando per quanto nelle nostre possibilità per intervenire con servizi sussidiari che consentano di ridurre al minimo i disagi per i nostri passeggeri. La navigazione sul lago per i turisti spesso rappresenta un elemento importante della vacanza e un'esperienza originale: Navigazione Lago Maggiore intende contribuire, in sinergia con l'intero sistema locale, alla valorizzazione del territorio, da attuarsi anche attraverso l'offerta di un efficace ed efficiente servizio di trasporto."

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
SU