ELEZIONI REGIONALI
 / Politica

Politica | 18 febbraio 2024, 17:34

In Piemonte 700mila euro dall’Inail per la formazione della sicurezza sul lavoro

L'annuncio dell'assessore Chiorino in Terza Commissione

In Piemonte 700mila euro dall’Inail per la formazione della sicurezza sul lavoro

“In Regione Piemonte la formazione obbligatoria in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro è disciplinata e gestita dalla direzione Sanità, che si occupa anche delle procedure di vigilanza sulla formazione, esercitata dai servizi Spresal delle Asl. Il confronto tra le direzioni Sanità e Istruzione, Formazione e Lavoro è costante, con quest’ultima che si occupa dell’accreditamento degli enti che possono realizzare i corsi previsti dalla materia”. È quanto spiegato nella terza Commissione, presidente Claudio Leone, dall’assessore Elena Chiorino nella sua relazione sull’indagine conoscitiva richiesta dall’Ufficio di presidenza del Consiglio. L’obiettivo è elaborare una programmazione delle politiche regionali per migliorare la prevenzione e diffondere la cultura della sicurezza sui posti di lavoro.

La Conferenza delle Regioni, come è stato sottolineato, ha approvato un accordo quadro di collaborazione con l’Inail per la realizzazione di interventi formativi a cui ha aderito la Regione Piemonte. Entro l’estate sarà disponibile l'offerta di formazione per i lavoratori delle imprese interessate.

“Saranno finanziati programmi di formazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro a carattere aggiuntivo rispetto alla formazione obbligatoria, prevedendo specifici corsi da realizzarsi entro il 2025. Le risorse messe a disposizione da Inail sono pari complessivamente a 10.462.000 euro, di cui 717.043 per il Piemonte” ha annunciato Chiorino.

L’assessore, nel suo documento, ha poi fatto cenno ai Piani mirati di prevenzione, che prevedono il coinvolgimento dei rappresentanti dei lavoratori e delle imprese, la diffusione di buone pratiche e lo svolgimento di attività di formazione sulla gestione e analisi di rischi specifici, come la caduta dall’alto in edilizia, presso le imprese e in particolare le micro imprese con meno di dieci dipendenti.

Altri ambiti di rischio considerati sono l’agricoltura (incidenti con i mezzi), la logistica (patologie dell’apparato muscolo-scheletrico), il settore delle saldature (rischio cancerogeno) e il comparto sanitario (stress da lavoro correlato al rischio di aggressioni agli operatori).

Per delucidazioni sono intervenuti Monica Canalis (Pd) e Valter Marin (Lega).

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore