/ Cronaca

Cronaca | 29 luglio 2022, 18:00

Tragedia funivia: cambia ancora il Giudice delle Indagini preliminari

Il giudice Palomba, trasferita da Verbania alla Corte d’Appello di Torino, ha fatto sapere che è sua ferma intenzione portare a termine l’incidente probatorio sulla vicenda

Tragedia funivia: cambia ancora il Giudice delle Indagini preliminari

Ancora un cambio della guardia al Tribunale di Verbania nell’ambito della delicatissima indagine che riguarda il tragico schianto della cabina numero 3 della Funivia del Mottarone, che il 23 maggio dello scorso anno costò la vita a 14 persone: il giudice Annalisa Palomba, che in questo momento è titolare come Gip del fascicolo sul drammatico episodio, è stata trasferita da Verbania alla Corte d’Appello di Torino.

Il giudice ha ricevuto “in eredità” il procedimento dalla collega Elena Ceriotti, andata in pensione nello scorso mese di dicembre. A sua volta Ceriotti aveva avuto in affidamento il fascicolo dopo la clamorosa rimozione da parte del presidente Luigi Montefusco di Donatella Banci Buonamici, il giudice che, nei primi giorni dopo la tragedia, presiedette l’udienza di convalida dei fermi disposti dalla Procura nei confronti del titolare della Funivia Luigi Nerini, del caposervizio Gabriele Tadini e del direttore di esercizio Enrico Perocchio, decidendo di rimettere in libertà Nerini e Perocchio. Proprio la dottoressa Banci, che attualmente svolge pro tempore le funzioni di presidente del tribunale a seguito del pensionamento  di Montefusco, è stata a sua volta trasferita, e dall’autunno sarà in organico alla Corte d’Appello di Milano.

Il giudice Palomba ha fatto sapere che è sua ferma intenzione portare a termine l’incidente probatorio sulla vicenda del Mottarone che è in corso: l‘udienza conclusiva, inizialmente fissata per luglio, è stata posticipata al 20, 21 e 24 ottobre. A Verbania resta in ogni caso da risolvere il problema della carenza di organico che i nuovi trasferimenti rendono più impellente.

ECV

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore