/ Politica

Politica | 18 maggio 2022, 09:10

Critiche dalle opposizioni sulla nuova legge urbanistica regionale

Il M5S: "La maggioranza si è sotratta al confronto. I primi a patirne gli effetti saranno gli Enti Locali"

Critiche dalle opposizioni sulla nuova legge urbanistica regionale

La nuova legge in materia urbanistica regionale non soddisfa le opposizioni. "Si annunciano semplificazioni in materia edilizia ma, in realtà, si dà il via libera a una deregolazione delle norme in materia che rischia di aprire a speculazioni e ricorsi giudiziari il sistema edilizio piemontese", spiega il Pd. "L'idea di incentivare le ristrutturazioni per salvaguardare il suolo vergine è positiva ed era già alla base della legge 16/2018. Per questo abbiamo fino all’ultimo lottato per migliorarla. Ma bisogna porre dei paletti: non possiamo pensare di consentire il recupero a fini abitativi di locali alti 2 metri. Non ha senso prevedere che si possa abbassare fino a 2,40 metri o 2,20 metri le altezze delle abitazioni se costruite prima del 1975: si sta aprendo a speculazioni che nulla hanno a che fare col recupero edilizio".

"La legge sull’edilizia voluta dal centrodestra – proseguono gli esponenti dem è un 'liberi tutti', una legislazione sul modello di quella degli anni ’60 e ’70 che ha contribuito a creare disastri ambientali che continuiamo a scontare. Per questo continueremo, in ogni sede possibile, a batterci per preservare il nostro patrimonio naturale e il paesaggio, a lottare contro il consumo sconsiderato del suolo, a chiedere che le aree industriali dismesse vengano riconvertite. Continueremo a opporci a tutti quei progetti che mettono a rischio l’ambiente.

Il Movimento 4 Ottobre ha ribadito il voto contrario sostenendo che la semplificazione annunciata dalla legge in realtà toglie possibilità di controllo dei Comuni sulle costruzioni. Il gruppo regionale del M5S ha invece sottolineato come "dopo aver messo il bavaglio alle opposizioni, quest'oggi la maggioranza ha approvato la nuova legge urbanistica chiudendo anticipatamente la discussione in Commissione, poi  contingentando i tempi in Consiglio, senza mai cercare un reale confronto: i primi a patirne gli effetti saranno gli Enti Locali".

Il capogruppo di Luv Marco Grimaldi ha sostenuto che questa legge rischia solo di fare danni perché è piena di deroghe e renderà abitabili anche i locali più bassi che saranno soltanto utilizzati dagli speculatori per creare nuovi spazi insalubri da affittare ai più poveri. Ha concluso augurandosi che la Corte Costituzionale cancelli le parti di questa legge che vanno contro l’ambiente e contro i meno abbienti.

Redazione Torino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore