/ Cronaca

Cronaca | 27 aprile 2022, 19:10

Dormelletto, ancora senza un perchè la morte di Sonia

Gli inquirenti stanno cercando di capire il movente che ha portato Filippo Ferrari a compiere un gesto così efferato

Dormelletto, ancora senza un perchè la morte di Sonia

Dinamica, circostanze, arma, ed epilogo: tutto sembra chiaro nella ricostruzione della tragedia che ieri ha sconvolto Dormelletto, comune di poco più di 2500 abitanti sulla sponda novarese del Lago Maggiore, dove un uomo, Filippo Ferrari, prima ha ucciso a coltellate la compagna Sonia Solinas, poi si è tolto la vita gettandosi da un ponte a San Bernardino Verbano, lungo la strada che sale da Verbania verso la Valgrande.

Quello che manca per completare il quadro sul quale stanno indagando i Carabinieri, coordinati dalla pm della Procura di Verbania Laura Carrera, è il movente di un delitto così drammatico. Perché' la coppia, che durava da 15 anni, sia pure con un rapporto altalenante e che alcuni conoscenti hanno definito a tratti burrascoso, non sarebbe mai stata turbata da episodi violenti, ne' da tensioni fuori dalle normali dinamiche familiari. Non a caso gli inquirenti hanno subito sottolineato che mai sono giunte segnalazioni di violenze o maltrattamenti. Anche ieri mattina, nulla. Qualcuno nel caseggiato dice di aver sentito parlare a voce alta, ma non c’è neppure certezza che si trattasse di Sonia e Filippo.

Secondo il primo esame del medico legale, la morte della donna sarebbe da collocare tra le 6 e le 8, ma solo l'esito dell'autopsia potrà consentire di essere più precisi. Cosa sia accaduto nell'appartamento di via Vittorio Veneto ieri mattina e più ancora cosa sia capitato nelle ultime settimane lo dovranno stabilire gli inquirenti. Diradando, se possibile, tutte le ombre che avvolgono un delitto che ha colpito al cuore la piccola comunità in riva al lago.

ECV

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore