/ Politica

Politica | 14 gennaio 2022, 10:25

"Contrari ad ogni ipotesi di nuovi impianti di incenerimento in Piemonte"

Bertola (M4O): "Al fianco di associazioni e comitati territoriali che ribadiscono il loro no"

"Contrari ad ogni ipotesi di nuovi impianti di incenerimento in Piemonte"

"Siamo contrari ad ogni ipotesi di implementazione di nuovi impianti di incenerimento su tutto il territorio piemontese. Lo abbiamo ribadito oggi in Commissione ambiente durante l’audizione delle associazioni ambientaliste che, insieme a comitati territoriali, hanno espresso tutte le loro perplessità su un modello superato ed insostenibile di gestione dei rifiuti e ribadito l’inutilità di nuovi impianti di incenerimento dei rifiuti in Piemonte", ha dichiarato Giorgio Bertola, Consigliere Regionale Movimento 4 Ottobre Piemonte.
"Siamo al loro fianco nel chiedere il raggiungimento degli obiettivi regionali nella gestione dei rifiuti ed il rispetto del vigente Piano Rifiuti, che non prevede la costruzione di nuovi impianti.  Le ipotesi paventate dall’assessore Marnati ci spaventano: non vogliamo vedere bruciare rifiuti né a Novi Ligure, né a Cavaglià né altrove", aggiunge Bertola.
"Il modello da seguire, lo riaffermiamo ancora una volta, è quello dell’economia circolare, che l’Unione Europea ha adottato nel 2021 e che impone di considerare virtuoso solo una gestione che contribuisce a ridurre i rifiuti al minimo, favorendo un modello di produzione e consumo che implica la condivisione, il riutilizzo, la riparazione, e il riciclo il più a lungo possibile estendendo il ciclo di vita dei prodotti".
"Ricordiamo inoltre che ogni cittadino italiano produce in media 488 chilogrammi di rifiuti all’anno, un dato che è sostanzialmente lo stesso del 2013 e che la regione Piemonte è al 64% di raccolta differenziata", conclude l'esponente del M4O.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore