/ Politica

Politica | 05 agosto 2021, 08:20

“La medicina di genere non è un tema di nicchia: riattivare il tavolo regionale”

Canalis-Peano (Pd): “Dopo due anni di inattività l’auspicio è che la Regione torni a lavorare seriamente sul tema”

“La medicina di genere non è un tema di nicchia: riattivare il tavolo regionale”

“La medicina di genere non è un tema di nicchia, che interessa solo alle femministe”: così dichiarano la vice-segretaria del Pd Piemonte, Monica Canalis, e la responsabile sanità del Pd Piemonte, Maria Peano, a seguito del Question Time discusso nelle scorse ore in Consiglio Regionale.

“È un tema di portata storica, che intende riequilibrare il metodo con cui finora sono avvenute le sperimentazioni farmacologiche e le terapie mediche, tenendo nella dovuta considerazione le differenze biologiche tra il corpo maschile e quello femminile. Spiace pertanto che il Piemonte su questo fronte sia stato fermo per due anni, da quando si è insediata la Giunta Cirio, nonostante in Italia dal giugno 2019 sia attivo il Piano per l’applicazione e la diffusione della medicina di genere, definito dal Ministero della Salute in attuazione della Legge 3/2018. Le Regioni hanno il compito di rendere operativo questo Piano, come sta facendo la Toscana e come aveva iniziato a fare la Giunta Chiamparino, costituendo, sin dal dicembre 2016, il Tavolo permanente sulla Medicina di genere, coordinato dalla Direzione sanità e dalla Direzione coesione sociale. Si trattava di un Tavolo inter-assessorile, in cui erano coinvolti anche la Commissione pari opportunità della Regione, gli Atenei, le associazioni femminili.

Solo lo scorso 14 luglio la Giunta Cirio ha invitato ogni ASL a individuare un proprio referente per la medicina di genere, entro il 10 settembre. Un intervento tardivo, ma che riteniamo opportuno e che non mancheremo di monitorare, nella consapevolezza che se non si studiano anche le donne non potremo garantire un vero rigore scientifico alle ricerche, e se non si adattano le terapie alle situazioni specifiche delle donne si rischia di non garantire appropriatezza delle cure.

Non è stata data alcuna risposta invece sull'intenzione di riconvocare il Tavolo regionale sulla medicina di genere e questo può essere interpretato come una mancanza di volontà di confronto col mondo scientifico ed associativo.”

Così Monica Canalis, vice segretaria Pd Piemonte e consigliera regionale e Maria Peano, Responsabile sanità Pd Piemonte.



C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore