/ Politica

Politica | 09 luglio 2021, 09:00

“Non si arresta la carenza di personale, necessario un tavolo di confronto regionale”

Strutture socio-sanitarie, Sacco (M5s): “La Giunta Cirio ascolti il grido d'allarme delle cooperative del settore”

“Non si arresta la carenza di personale, necessario un tavolo di confronto regionale”

“Case di riposo, strutture per disabili, psichiatriche e minori: cresce la carenza di personale. Operatori Oss, educatori e infermieri sono sempre di meno.  Le cooperative di servizi si trovano in seria difficoltà a reperire la figura degli operatori socio sanitari, che spesso preferiscono trovare occupazione nelle strutture ospedaliere. Analogo problema per quanto riguarda gli infermieri e gli educatori che sono più orientati alle strutture scolastiche. 

Non di rado emerge la necessità di cercare personale fuori dalla propria provincia. La preoccupazione è forte, poiché le strutture stanno andando in affanno con doppi turni e lavoro sempre in emergenza. La pandemia e la conseguente incertezza economica hanno fatto il resto, accelerando ancora di più questo processo, aggravando i disagi delle strutture private in Piemonte.

La Giunta regionale dovrebbe ascoltare il grido d'allarme lanciato dalle cooperative operanti nel settore.

È necessario aprire una riflessione insieme a tutti i soggetti coinvolti: istituzioni, cooperative e rappresentanti dei lavoratori. Avviando un percorso per individuare soluzioni adeguate a fronteggiare la mancanza di personale in un importante settore della nostra Regione che presenta rilevanti ricadute sulla tenuta sociale”. 

Così il capogruppo regionale del M5S Piemonte, Sean Sacco.


c.s

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore