/ Novara

Che tempo fa

Cerca nel web

Novara | 23 agosto 2019, 08:00

A Novara si studiano tecnologie innovative per curare le lesioni del ginocchio

A Novara si studiano tecnologie innovative per curare le lesioni del ginocchio

Si chiama “Restore” ed è un progetto di ricerca in corso di sviluppo a Novara nei laboratori del Centro di Ricerca Traslazionale sulle Malattie Autoimmuni e Allergiche (CAAD) dell’Università del Piemonte Orientale. Il progetto, in cui sono coinvolti altri 8 istituti in tutta Europa e che è finanziato dalla Commisione Europea, è basato sulla creazione di matrici 3D che incorporano nanomateriali intelligenti per riparare le lesioni della cartilagine del ginocchio, riducendo o ritardando l'insorgenza dell’osteoartrite, una malattia che attualmente colpisce 242 milioni di persone in tutto il mondo. In pratica queste matrici vengono impiantate nel ginocchio, e contemporaneamente riempiono le aree della cartilagine “mangiate” dalla malatia e  contengono nanoparticelle intelligenti con proprietà rigenerative, antinfiammatorie e antimicrobiche. Le nanoparticelle con proprietà rigenerative possono essere “innescate” a distanza con metodi non invasivi. Il più singolare è una ginocchiera dotata di sensori in grado di attivare le nanoparticelle. Il progetto è coordinato dalla professoressa Lia Rimondini del Dipartimento di Scienze della Salute della sede novarese dell’UPO.

ECV

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore